Ti trovi qui: Home > Attività > Programmi UE

Altre notizie

N.1

...a bordo del PARCO NAZIONALE DEL VESUVIO

...a bordo del 'Parco Nazionale del Vesuvio'


N.2

Progetto ECOCAMPUS - VESUVIO WILD

Progetto ECOCAMPUS - VESUVIO WILD


N.3

Guide esclusive del Parco nazionale del Vesuvio

Pubblicazione elenco delle guide esclusive del Parco nazionale del Vesuvio


N.4

Aggiornamento Short List del Parco nazionale del Vesuvio

Pubblicazione Short List di professionisti per attività di consulenza all'Ente Parco nazionale del Vesuvio


N.5

Disciplinare sull'utilizzo delle attrezzature informatiche, della posta elettronica e della rete internet sui luoghi di lavoro

Disciplinare sull'utilizzo delle attrezzature informatiche, della posta elettronica e della rete internet sui luoghi di lavoro



Ritorna al menù

Programmi UE

Interreg IIIB - Desertnet

Logo UE

Logo MEDOCC

Logo Desertnet

L'iniziativa INTERREG III è nel suo complesso orientata a favorire la cooperazione fra i paesi dell'UE, avvalendosi di fondi FESR (Fondo Europeo di Sviluppo Regionale). La strategia dell'iniziativa Interreg si basa sulla messa in opera di azioni e studi volti a favorire strategie comuni, programmi congiunti, partenariato diffuso e logica bottom-up (propositività e formulazione di ipotesi di lavoro spinte dal basso), complementarietà con altre azioni dei fondi (zone obiettivo 1-2-3).

Per consentire la massimizzazione dell'efficacia delle azioni promosse, Interreg III focalizza la sua attenzione su territori che presentano omogeneità per condizioni geografiche, culturali e sociali, fissando obiettivi prioritari per le specifiche aree geografiche coinvolte.

All'interno di essa Interreg III B si orienta a favorire la cooerazione Transanazionale individuando ampi raggruppamenti di paesi europei, e fissando come finalità quella di favorire la coperazione delle autorità locali (a livello nazionale, regionale e locale), promuovendo strategie comuni e lo sviluppo di "raggruppamenti" di regioni europee omogenee; in particolare il programma Medocc si focalizza sui paesi che si affacciano sul Mediterraneo Occidentale.

Il progetto Interreg IIIB - Desertnet ha visto come capofila il nucleo NRD dell'università di Sassari come capofila e la partecipazione di 13 Partner Italiani e Spagnoli. All'interno di tale partenariato la Regione Campania, Partner nro 2, ha demandato al Parco nazionale del Vesuvio l'attuazione del progetto attraverso una convenzione. Il progetto del PNV è stato finanziato con 127500 euro a valere su fondi FESR-FEDER e Contropartita nazionale e con 50000 euro dell'Ente.

L'obiettivo era di costituire un partenariato che in modo diverso osservasse il fenomeno della desertificazione in area mediterranea e ne studasse le caratterisitche e le azioni atte a limitare il fenomeno. Il Parco ha osservato le aree meno ricche di vegetazione del territorio del Vesuvio, ed ha sperimentato gli effetti dell'ingegneria naturalistica quale azione di contrasto al fenomeno della desertificazione.

Si è ritenuto infatti, quale ipotesi di lavoro iniziale, che attraverso la stabilizzazione delle aree si potesse favorire lo sviluppo vegetale: tale ipotesi è stata verificata attraverso ispezioni che hanno consentito di considerare soddisfacente lo sviluppo radicale di piante interrate in zone aride ma supportate dall'introduzione di opere di ingegneria naturalistica.

In questo modo il Parco nazionale del Vesuvio ha inteso offrire la propria esperienza pluriennale nel settore dell'ingegneria naturalistica in area mediterranea, raccogliendo la sfida di una sua applicazione in condizioni estreme.

Il Parco nazionale del Vesuvio ha svolto due tipi di azione convergenti volte ad osservare:

  • La capacità di determinate piante di attecchire in aree deserte (semina in terreni aridi e verifica dell'attecchimento attraverso il supporto di opere di ingegneria naturalistica)
  • Lo stato delle piante presenti in opere di Ingegneria Naturalistica realizzate in anni precedenti (verifica dello stato dei luoghi e delle modifiche in essi introdotte attraverso opere di ingegneria naturalistica).
    Nel corso del progetto sono state realizzate opere di Ingegneria Naturalistica ex-novo orientate alla sperimentazione ed alla possibilità di osservare nel tempo il fenomeno, e sono state effettuate indagini in opere preesistenti. In accordo con l'importanza riconosciuta alle attività di sensibilizzazione e divulgazione sulle tematiche ambientali è stato realizzato un seminario locale in S.Anastasia il giorno 2/4/04, cui sono state invitate scolaresche della Campania, e sono state prodotte brochure informative.

Tali azioni divulgative si inseriscono nel contesto del contributo alla divulgazione dell'informazione sulle iniziative in corso da parte dell'Ente Parco nazionale del Vesuvio.

Ulteriori informazioni sul progetto Desertnet sono inoltre reperibili sul sito NRD ( http://www.uniss.it/nrd/ ).

Per gestire tale progetto il Parco nazionale del Vesuvio ha fatto leva su una squadra molto affiatata costituita dal direttore generale e da personale dell'Ente, nonchè da consulenti esterni provenienti da diverse aree di competenza (botanica, geologia, agronomia, biologia, ingegneria naturalistica, project management) e da diverse esperienze professionali (liberi professionisti, docenti universitari, manager).

Attraverso il progetto Desertnet sono stati individuati, a livello qualitativo, alcuni possibili indicatori dello stato delle opere e delle piante ivi presenti. Tali risultati rappresentano un primo punto di arrivo nell'osservazione scientifica ed al contempo un punto di partenza per giungere ad individuare set di indicatori e di misure per la valutazione dello stato delle opere.

Le opere di Ingegneria naturalistica realizzate nel corso del progetto, oltre a favorire la mitigazione del fenomeno della desertificazione, consentiranno ulteriori monitoraggi nel tempo e favoriranno la messa a punto di tali set di indicatori. Le attività del progetto si sono concluse nel mese di ottobre 2004.


Credits - © Copyright 2017 by Ente Parco nazionale del Vesuvio - Tutti i diritti sono riservati - Webmail