Ti trovi qui: Home > Promozione > Accade nel Parco >Avvenimento nel Parco

Per segnalarci eventi ed appuntamenti contattateci in e-mail oppure telefonicamente ai seguenti numeri: Tel. +39 081/865.39.11 o Fax. +39 081/865.39.08

Altri avvenimenti


Archivio...

Ritorna al menù

Avvenimento nel Parco

Appello Parco a coppie: usate cassonetti per i rifiuti

VESUVIO: APPELLO PARCO A COPPIE, USATE CASSONETTI PER RIFIUTI CAMPAGNA SENSIBILIZZAZIONE CON SCRITTE IN NAPOLETANO (ANSA)

"Dopp' nu vas', na pizza e na carezza, arricurdateve d'ausa' 'o bidone d'a munnezza". Ovvero:
"Dopo un bacio, una pizza e una carezza, ricordatevi di usare il bidone per l'immondizia". E' il singolare appello rivolto alle giovani coppiette che si fermano sulle strade che conducono sul Vesuvio, per scambiarsi effusioni, e fermarsi a mangiare, lanciato dall'Ente parco nazionale del Vesuvio per invitare i ragazzi al rispetto dell'ambiente e della natura.

La campagna di sensibilizzazione e' stata ideata appositamente in dialetto napoletano "usando un linguaggio diretto - ha spiegato il presidente dell'Ente parco, Amilcare Troiano - ed arrivare al cuore di questi ragazzi". "Facciamo l'amore con il Parco - ha aggiunto Troiano - rispettiamo la natura che ci offre paesaggi spettacolari ed unici al mondo, soprattutto sul Vesuvio. Purtroppo ci sono tanti giovani che dopo aver consumato una pizza, e dopo essersi scambiati effusioni amorose, lasciano a terra tutti i rifiuti: fazzoletti, cartoni e preservativi, che diventano un brutto scenario per tutti quei turisti che ogni giorno si recano sui sentieri che conducono al vulcano. Anche le piazzole di sosta, che sono state realizzate per quanti vogliono fermarsi ad ammirare le statue del museo all'aperto sulla strada principale che porta al cratere, sono diventate ricettacolo di immondizia, e luoghi dove le coppiette si appartano. Il nostro invito ai giovani, e' quello di aiutarci a proteggere la natura, cosi' come sta facendo il nostro ente". I
manifesti saranno distribuiti nelle scuole, nelle associazioni e nei pubblici esercizi dell'area protetta, e rientrano "nella strategia complessiva di prevezione, informazione - ha spiegato Troiano - e se vogliamo anche di repressione, attuata dal Parco". "Entro tre mesi saranno installate le telecamere
per il sistema di videosorveglianza - ha aggiunto - le cui centrali operative saranno sistemate nell'ex caserma Bianchini del comando provinciale della guardia forestale, e nel castello Mediceo ad Ottaviano, e che servira' soprattutto ad evitare lo scarico abusivo di rifiuti nell'area protetta del parco. Purtroppo il fenomeno dell'inquinamento ambientale non e' stato ancora sconfitto, e sono tante le persone che sversano abusivamente rifiuti sul territorio, e tra queste ci sono tanti delinquenti
che ne approfittano per scaricare rifiuti speciali e anche nocivi. Le forze dell'ordine sono impegnate da tempo per sconfiggere questo fenomeno criminoso, nonostante il numero esiguo di unita"'.
Troiano, oltre all'azione principale per sconfiggere lo sversamento abusivo dei rifiuti nell'area protetta, pensa anche "all'inquinamento da coppiette". "Tutte le strade che si inoltrano sulle pendici del Vesuvio - ha aggiunto - sono diventate il luogo preferito delle coppiette, che si appartano anche in divieto di sosta e dopo aver consumato la pizza, una bevanda ed altro, lasciano le strade tappezzate da quelli che io chiamo residui di soste amorose. Da parte nostra, e delle amministrazioni comunali competenti, c'è il massimo sforzo per mantenere i sentieri puliti, ma chiediamo la collaborazione anche dei giovani che si fermano e che dovrebbero usare i cassonetti: è
lì che vanno lasciati i rifiuti. Se si vogliono bene - ha concluso - devono amare anche la natura".




Credits - © Copyright 2017 by Ente Parco nazionale del Vesuvio - Tutti i diritti sono riservati - Webmail